Diritto del lavoro

CAN settoriali obbligare le imprese accordi per impostare i salari?

Abbiamo commentato in questa occasione la decisione del giudice nazionale 10 Settembre, a stabilire che, dopo la riforma del lavoro, accordi di settore non possono obbligare le aziende a impostare i salari.

Indica il giudizio che il regio decreto-legge 3/2012 non retroattiva, ma se si dispiega i suoi effetti su un livello inferiore gerarchicamente.

Il principio di irretroattività, non preclude la retroattività chiamato minimal (STS 27-06-00) perché la nuova normativa si applica agli effetti che nascono dopo l'effetto. (STS 23-9-91).

Anche se il regio decreto legge 3-2012 non retroattiva, questo non esclude la sua applicazione ai fini della Convenzione dopo l'entrata in vigore del regolamento che ha il legale, anche se fosse stato negoziato prima di tale data.

Nel caso in questione la convenzione che stabilisce la priorità di accordi settoriali della Società in certe questioni. Questo è in contrasto con la nuova formulazione dell'articolo 84.2.a di ET, che dà la priorità al contratto di impresa per quanto riguarda l'ammontare dello stipendio e delle indennità e l'articolo 84.2.c ET, che dà la preferenza alla regolamentazione delle attività e il calendario della distribuzione del tempo di lavoro.

Insomma, la Camera sociale della Corte Nazionale dichiara nulle diversi paragrafi del contratto, specificamente, quelli considerati in contrasto con la nuova formulazione dell'articolo 84.2 Parte A, con effetto dal 12-2-2012.

====

25 Il 24 Volontà Fogasa?

Pays Fogasa 40% del risarcimento nel caso in cui l'azienda è sotto 25 lavoratori.
Nel caso che ci, al momento della comunicazione del licenziamento, la società aveva 25 I lavoratori e il momento in cui la cottura è efficace, aveva 24 lavoratori. • Sarà il Fogasa?
La sentenza della Corte Suprema 2 Aprile 2012, chiarisce il campo di applicazione dell'articolo 33.8 Statuto dei lavoratori (E) che stabilisce la responsabilità di pagare Fogasa 40% -otto giorni per anno lavorato nella formulazione attuale- di risarcimento per licenziamento oggettivi meno di venti aziende lavoratori.
La data da prendere in considerazione per calcolare il numero di lavoratori di una società necessaria per produrre l'obbligo del pagamento del risarcimento da parte del Fondo di garanzia salariale (Fogasa) di licenziamento per ragioni oggettive è che prende luogo l'estinzione del rapporto di lavoro e non in grado di comunicare con la disdetta al dipendente.
Nella fattispecie, Fogasa negato a fornire “colpiti dalla casa discografica aveva più di 24 lavoratori alla data della decisione di porre fine”. Tuttavia, l'Alta Corte di Giustizia (TSJ) Castiglia e León, inteso che “il fatto che ha determinato l'obbligo di Fogasa non comunicare la decisione di sospendere, che può o non può produrre gli effetti desiderati da parte della società, ma la cessazione effettiva del rapporto di lavoro è ciò che genera obblighi di risarcimento che deve partecipare a Fogasa”.
La Suprema Corte afferma la sentenza nel suo appello per l'unificazione della dottrina, respingendo la conclusione del giudizio di contrasto, la Corte Suprema di Andalusia, considerata come la data di considerare cottura comunicazione.
Il giorno che dovrebbe essere notato è il fatto che il lavoro è respinto.
Ma anche, l'Alta Corte ha respinto la data da prendere in considerazione potrebbe essere la comunicazione, sulla base di tale articolo 33.8 ET ha la responsabilità per il risarcimento “dei lavoratori il cui lavoro è stato spento (…) Questo sostiene che se la responsabilità si pone in rescissione contratto, la data della manifestazione non può che essere l'estinzione di tale, mai uno in cui si comunica il futuro cessazione”.
====

LICENZIAMENTO GHOST??

abogado despido verbal

Se un lavoratore dice che è stato licenziato e l'azienda nega verbalmente cosa?

Analizziamo la sentenza della Corte Suprema 19 Dicembre 2011.
Infatti assumendo un lavoratore afferma di essere stato licenziato dalla società verbalmente, continuano a venire a lavorare e fa causa alla società per licenziamento. L'azienda nega che il lavoratore è stato licenziato.
Dopo la conciliazione, il processo in primo grado e l'appello, interpone un appello per l'unificazione della dottrina in Cassazione.
Il tema di fondo è quello di determinare chi spetta l'onere della prova. La Corte Suprema ha concluso:

"SECONDO.- La ricorrente sostiene che la sentenza viola l'art. 217 il Lec ., in relazione alle arti. 54 e 55 Parte A ., stabilire il punto di contraddizione riguardante l'onere della prova circa l'esistenza o meno di un licenziamento verbale, contraddizione da stimare perché le frasi raggiungono contemporaneamente soluzioni contatore rispetto a chi ha l'onere di provare l'esistenza di un licenziamento che sostiene l'attore di aver prodotto un verbale, senza indicarne le altre circostanze dimostrando che infatti.
E corretta dottrina sulla questione in discussione è il contrasto della sentenza, questo è, che è l'attore deve provare che il licenziamento fatto-verbale- stabilire l'effetto giuridico previsto ( arte. 217.2 Lec .); senza che si possa affermare una presunta libertà vigilata facilitare l'imputato, poiché il lavoratore può anche andare per l'imprenditore, la parola scritta, accompagnati da testimoni, a seguito della cessione, che sostengono di essere stati, richiedono ad ammettere che funzioni, mentre per il datore, non come un abbandono dell'oggetto lavoratore, un test del genere sarebbe un fatto negativo.”

Le considerazioni di cui sopra portano, come ha rilevato la Procura, stimare una risorsa.

Dà l'azienda motivo. E 'il lavoratore che sostiene e quindi, che deve aver provato il suo licenziamento.

====

ERE UNA PETIZIONE NON VUOTI DI ESTINZIONE DEL LAVORO per salari non pagati

Il caso discute la sentenza del Tribunale del Lavoro di Pamplona 3 ° 1 Marzo 2012 è il seguente:
Un lavoratore deposita una causa legale di interrompere il rapporto di lavoro da parte i default Società secondo le disposizioni di cui all'articolo 50 Parte A.
In seguito l'azienda presenta un ERE di licenziare i dipendenti.
La Corte nella sua sentenza, ha detto:

"Il ritardo nel pagamento dei salari, se è qui, poiché è eseguita in una sistematica, e con più di due mesi di ritardo, e si estende su uno e mezzo, corpo aggiudicativo per gli scopi specificati nel art.50 dello Statuto dei Lavoratori, ciò che determina l'azione risolutiva stimata e, contemporaneamente, azione di importo reclamo per i due doveva al libro paga dell'azienda, e senza la quale non vi è alcuna traccia di pagamento del gennaio mensile, lasciando da parte ciò che è lo scopo di questa procedura, senza pregiudizio di qualsiasi diritto in un altro procedimento per i querelanti.
A conclusione ottenuto non può essere mantenuta o invocare il fatto che il convenuto ha ora messo un record di regolamentazione dell'occupazione carattere estinzione in quanto tale record è stata depositata nella stessa data in cui si è tenuta l'atto di giudizio, e non è nemmeno ancora stata risolta dall'autorità lavoro, non essendo in ogni caso provoca stimare énervé adjudicative azione esercitata prima dell'applicazione di una regolazione della forza da parte del convenuto. In definitiva, conformemente alla giustificazione, possiamo stimare solo la domanda, dichiarando la cessazione dei contratti di lavoro che legano l'azienda ai querelanti, e condannare la convenuta al pagamento della compensazione legale ex art. 50.2 Statuto dei Lavoratori, in ultima analisi,, si riferisce ad indennità per licenziamento irregolare ".

Per quanto riguarda la questione di quello che dovrebbe essere l'importo del risarcimento, tenendo conto dell'entrata in vigore del regio decreto-legge 3/2012, (Infatti, se il 45 al del giorno 33) specifica si applica ", ripartito proporzionalmente per periodi di mesi inferiore a un anno", cioè alla questione di come procedere con i giorni che non riescono a completare l'intero mese, essere applicato alle due sezioni o solo uno di essi e in questo caso ciò.
Il giudice ha spiegato che ci sono due formule per il calcolo:
1. "Capire che si applica alla ripartizione da mesi di resti delle due parti del periodo computabile, la precedente e la successiva all'entrata in vigore "
2. "Capire che si applica alla ripartizione da mesi di resti del periodo di un computabile, specificamente che sarebbe dopo l'entrata in vigore e applicare una regola di pura aritmetica per il periodo precedente l'entrata in vigore "
Questa seconda formula è quella che intende il giudice più corretto per evitare casi di doppio conteggio di mesi.
====

Lavoratore economicamente dipendente (COMMERCIO) ? Occupazione o civile-commerciale?

Per chiarire la questione, discusso la decisione della Corte Suprema, 4 ° Sezione del sociale 24 Novembre 2011.

Il caso è il seguente: Un vettore, invocando lo status di lavoratore economicamente dipendente (COMMERCIO) depositato una denuncia presso la Corte del lavoro, nella domanda di risarcimento danni per la cancellazione da parte del cliente non causerà. La sentenza della Corte ha accolto l'eccezione di giurisdizione opposizione da parte del convenuto e depositata poi impugnata da entrambe le parti, sono stati licenziati. La questione è se questo tribunale è competente a risolvere le questioni derivanti dalla attuazione dei contratti denominati COMMERCIO, quando si tratta di contratti stipulati prima della data di efficacia della legge 20/2007 che soddisfano i requisiti del presente, da classificare come tali. La soluzione richiede, precedentemente, determina se tali contratti passati automaticamente regolate dalla legge 20/2007 , dopo la sua entrata in vigore, o se l'applicazione di questa regola a loro richiesto l'adattamento di questi contratti è, nell'ambito della seconda disposizione transitoria della citata legge in relazione al primo Transitorio regio decreto 197/2009, di 23 Febbraio , concorrenza a causa del provvedimento giudiziario è determinato dal tempo tali contratti diventino COMMERCIO, la data in cui sono degni di quel punteggio e passare regolato dalla legge 20/2007.

La particolare Suprema Corte nella sua criteri di giudizio:
"”A differenza del caso del requisito preavviso fissato all'articolo. 12.2 ANNO , in base al quale “i lavoratori autonomi devono essere dichiarate nel lo stato economicamente dipendente contratto da parte del cliente che noleggia, così come le variazioni che avvengono su”. Questo non è più un requisito formale, ma è associata con le conoscenze necessarie per il datore di lavoro di uno dei bilanci di contratto: la dipendenza economica. Questa situazione è conosciuta generalmente solo da lavoratori autonomi, È lui che ha le informazioni sui clienti per la fornitura di servizi e gli utili su di loro. Invece, senza la conoscenza di questo fatto il cliente quali un contratto può essere ammesso un contratto di lavoro autonomo dipendente quando in realtà la loro intenzione è di stabilire un contratto civile o commerciale in comune con i normali lavoratori autonomi. Così, comunicazione della dipendenza è un prerequisito per l'esistenza dell'accordo sulla creazione di rapporto contrattuale. "" ..... "L'applicazione del regime giuridico è, corso, obbligatorio quando le condizioni necessarie per questo. Ma la firma del contratto non è. Un lavoratore autonomo e il client deve conoscere la natura del contratto che ha firmato e il cliente deve sapere che si stanno assumendo un servizio da fornire in una situazione di dipendenza economica. Quindi, il lavoratore è tenuto a segnalare questo fatto o l'onere di provare, se, che il cliente conosceva l'assunzione. Se sapendo questo fatto viene assunto, si applica il regime giuridico, ma cercare di essere escluso dalle parti o dai termini dell'accordo raggiunto. La legge ha lo scopo di assicurare che la conoscenza del cliente circa le condizioni alle quali i contratti.

Bene, in questo caso è stato contratto prima dell'entrata in vigore della legge e nessuna prova che, in qualsiasi momento dopo tale data si metterà in contatto il cliente la dipendenza economica del lavoratore, né è stato stabilito che l'azienda sapeva questa circostanza. Così, il legame tra l'attore e l'azienda cliente non poteva essere qualificato come un legame dipendente lavoro autonomo se stesso e, a questo punto, è irrilevante che le informazioni non sono state prodotte nella disposizione transitoria LETA 2-3 ° nella precedente formulazione 15/2009 -, oppure dopo la scadenza di tale periodo.”
"...."
"In questo caso è chiaro che al momento non vi è una cessazione non modificare il contratto, o era passato all'interno 18 mesi per l'adattamento; periodo ha iniziato a decorrere dalla data di entrata in vigore del regio decreto 197/2009, il 5 Marzo di quell'anno ".

Pertanto, né è scaduto il termine per l'adeguamento, né aveva comunicato l'azienda cliente la dipendenza. Di conseguenza, non esisteva un contratto di lavoro autonomo dipendente e non potrebbe essere l'ordine sociale competente a conoscere della domanda presentata nel presente procedimento che non deriva da tale contratto, o regime professionale applicabile in virtù del LETA.”

Se il contratto è concluso dopo l'entrata in vigore del LETA, applicare le norme previste dalla stessa. Ma in questo caso, il contratto precede.

Come conclusione, originariamente firmato il contratto tra le parti è stato civile o commerciale, se la nuova, o è diventato il commercio e, quindi, competenza sociale non era competente a risolvere i problemi derivanti dalla sua cessazione, non essere applicabile ad arte. 17 Agire 20/2007. Esso ha respinto il ricorso per l'unificazione della dottrina.

====

Lingua


Configura come lingua predefinita
Modifica traduzione


Iscriviti per ricevere un PDF libro


Proprio per esserti iscritto riceverà via e-mail il link per scaricare il libro "Come cambiare avvocato" in formato digitale.
Iscriviti qui

Sígueme en Twitter




Abbonami

* Questo campo è obbligatorio