un provvedimento ingiuntivo e l'esaurimento dei diritti di proprietà intellettuale su programmi per computer

sotware

 

Sono misure precauzionali legali intraprese in cause civili per la proprietà intellettuale? Quando i diritti di proprietà intellettuale sono programmi per computer esausti?

El Tribunal Supremo ha abordado estas cuestiones en su Sentencia de 1 Giugno 2016.

Ante la sospecha de que se estaban infringiendo sus IPR por la compañía Bittia Comunication S.L. (di seguito Bittia), Microsoft, Autodesk y Adobe solicitaron la adopción de misure precauzionali de carácter urgente. En aplicación del artículo 141 il TRLPI e 732.2 de la LEC se solicitaba ordenar las investigaciones oportunas con anterioridad a dar traslado del escrito de solicitud de medidas y la fijación de día y hora para practicar la diligencia de investigación en la sede de Bittia. Per questo, E 'richiesta una commissione giudiziaria, accompagnato da un tecnico di computer, con el fin de examinar los ordenadores de Bittia y comprobar la utilización de reproducciones no autorizadas de los programas de los demandantes.

Il tribunale commerciale ha emesso un ordine che dirige la commissione, Ho nomina di un ingegnere informatico esperto corte di praticare diligenza e la questione della perizia richiesta dal ricorrente.

Una volta che le prestazioni praticate, el Juzgado Mercantil dictó auto ordenando el secuestro del material empleado para la reproducción, il sequestro delle copie senza licenza e la sospensione dell'attività di riproduzione dei programmi per elaboratore.

all'interno 20 giorni concesso, Microsoft, Autodesk e Adobe presentato una denuncia contro chiedendo Bittia:

1.- La declaración de la titularidad de los programas de ordenador.
2.-La declaración de la violación de los derechos de propiedad intelectual de las demandantes.
3.- A indemnización por los daños y perjuicios causados de 67.166 euro.
4.- Il cessazione en las actividades ilícitas de reproducción y distribución no autorizadas y la destrucción de las copias halladas.
5.- A indemnización de 9.000 euro per danni morali.
6.- Il publicación de la sentencia en un periódico nacional y una revista especializada en el sector de la construcción.
7.- La condena al pago de las costas del proceso.

La demandada se opuso, alegando que Adobe y Autodesk carecían de legitimación activa, prescrizione di azioni, nulidad del auto que adoptó las medidas cautelares por vulnerar los derechos fundamentales, che la loro attrezzatura era licenza disponibile, che dovrebbero rispondere di ciò che i computer utilizzati in proprietà straniera e che non vi era stata alcuna distribuzione di software.

Il Tribunale commerciale No.3 Gijon si è pronunciata su 30 Novembre 2012, domanda stima sostanzialmente, dichiarando la proprietà dei richiedenti programmi informatici, la violazione dei diritti di proprietà intellettuale, con conseguente risarcimento dei danni 67.166 euro, ordinando la cessazione delle attività illegali e la distruzione delle copie. Con i costi per il convenuto. Per la Corte no se infringió el derecho a la inviolabilidad del domicilio, perché il procedimento sono state effettuate presso la sede del convenuto, e el concepto de “cadena de custodia de pruebas” penal no se aplica en el ámbito civil. E 'considerato dimostrato che ha fornito programmi alle altre società del gruppo senza ottenere la licenza appropriata.

Bittia interpuso recurso de apelación y la Audiencia Provincial de Oviedo dictó sentencia el 19 Dicembre 2013, stimando, in relazione dichiara di non sostenere i costi di primo grado, mantenendo il resto dei pronunciamenti. Sezione ritiene che la presunta violazione del dovere di diligenza non è espresso dal Segretario giudiziaria (arte. 296.1 LEC) in primo luogo e quindi, Non può essere affidamento su di esso secondo. E che non si applica la "esaurimento dottrina".

Así que Bittia interpuso recurso extraordinario por infracción procesal y de casación ante el Tribunal Supremo.

Il ricorso straordinario per violazione procedurale si è basata sulla violazione della dottrina giurisprudenziale che le decisioni emesse in misure prudenziali mancanza di efficacia di giudicato rispetto al merito.
Per il Consiglio, l'adozione di misure cautelari non pregiudica o determinare la pena, ma la sentenza della Corte non ha violato questa dottrina: Ha perseguito il diritto dei ricorrenti di valutare gli argomenti e le prove. Il motivo è respinto.

Per quanto riguarda il ricorso, se alega que conforme a la doctrina establecida por la sentencia del TJUE de 3 Luglio 2012, l'ottenimento di una licenza per utilizzare un programma per computer è equivalente alla prima vendita o il trasferimento e comporta l'esaurimento dei diritti di proprietà intellettuale del proprietario del programma per elaboratore. Isastur società ha acquisito i diritti di utilizzo, in modo che il diritto di distribuzione era esausto e aveva il diritto di dare e trasmettere tali programmi Bittia. E a sua volta, questo potrebbe essere ritrasmesso ad altre società del suo gruppo attività lo stesso software, in modo che non ci sarebbe alcuna violazione.
Sia la Corte Commerciale e l'Alta Corte, considerato che in relazione all'articolo 99 c) il TRLPI, esaurimento si verifica quando vi è "la vendita o altro trasferimento del titolo di proprietà", ma non quando si tratta di una licenza.
Tuttavia, CGUE per esaurimento si verifica con ogni mezzo e indipendentemente dal fatto che il contratto è la vendita o la licenza. Per il Consiglio, il secondo comma dell'articolo 99 c) TRLPI:

"Esclude l'esaurimento dei diritti di sfruttamento del titolare del programma per elaboratore il diritto di controllare la locazione del programma o di una copia dello stesso".

Nel caso perseguiti, Isastur copie locazione di programmi per Bitia. Questo affitto è escluso dal depauperamento dei diritti di sfruttamento e quindi, viola i diritti di proprietà intellettuale dei ricorrenti non fossero state autorizzate.

Inoltre, la STJUE de 3 Luglio 2012 exige que el adquirente que procede a la reventa de una copia de un programa de ordenador respecto del que se ha agotado el derecho de distribución debe inutilizar la copia descargada en su ordenador en el momento de revenderla. Questo requisito non è stato soddisfatto in questo caso.

Insomma, anche se l'interpretazione restrittiva della prima vendita non è stato correttamente, per non conforme alla dottrina della Corte di giustizia, no se cumplen los requisitos para considerar que los derechos de los programas de ordenador estaban agotados y se infringieron los derechos de propiedad intelectual i querelanti. Il ricorso è respinto e la sentenza della Corte è confermata, con imposizione di costi nei confronti della ricorrente.

Consultare il caso ora

Lascia un Commento

Lingua


Configura come lingua predefinita
Modifica traduzione


Iscriviti per ricevere un PDF libro


Proprio per esserti iscritto riceverà via e-mail il link per scaricare il libro "Come cambiare avvocato" in formato digitale.
Iscriviti qui

Sígueme en Twitter




Abbonami

* Questo campo è obbligatorio