L'accumulo di clausola penale per danni richiede accordo esplicito

compraventa vivienda

Indice,,es,Violazione degli obblighi legali e indennizzo dell'assicurazione a tutti i rischi,,es,Requisiti per l'assicuratore per evitare l'indennizzo,,es,Guida all'assicurazione del credito,,es,Risarcimento per l'assicurazione sulla vita legata a un mutuo ipotecario a Lleida,,es,Risarcimento salvo frode o colpa grave,,es,Burguera Abogados C / Poeta Querol 1-1,,ca,C / Albacete,,es,C / Velazquez,,fr

 

Si può costruire fino a clausola penale concordata, il risarcimento dei danni per violazione del contratto?

  Consultare il caso ora

La Corte Suprema, nella causa 3 Luglio 2019, No.. risoluzione 387/2019, ci ricorda che di accumulare clausola penale concordato, il risarcimento dei danni, ci deve essere un accordo esplicito in questo senso anche accreditato tali danni.

Antecedentes de hecho

Il 21 Aprile 2006 Signorina.. Filomena e D. Jenaro stipulato un contrato de compraventa de vivienda -pending la costruzione di abitazioni con commerciale Edivama SA.

Il prezzo stabilito per la vendita è stata 336.408 euro. Consegnato agli acquirenti considerazione la quantità di 59.285 euro.

Si è convenuto che gli alloggi sarebbe stato consegnato prima del giorno 15 Marzo 2008. Se passato che gli alloggi data non era stata consegnata, l'acquirente potrebbe scegliere di chiedere al venditore di consegna o la risoluzione del contratto.

Il termine è stato mancato da parte del venditore. Gli acquirenti interessati querela depositato una dichiarazione di inadempimento contrattuale e essere condannata a rimborsare le somme versate sul conto del prezzo.

Il 30 Giugno 2010 11 ° sezione della Corte provinciale di Valencia emesso la sua sentenza. Egli ha respinto la domanda di acquirenti e dichiarato contratto valido ed efficace di vendita. Egli ha condannato gli attori di concedere atto e il pagamento di 277.177 euro, come il resto del prezzo da pagare.

Nel mese di giugno 2013 il venditore ha dato agli acquirenti una burofax. In questo hanno chiesto il pagamento di diverse somme di denaro e anche chiesto loro di comparire davanti al rogito notaio di concedere.

Gli acquirenti inviato un altro burofax che comunicava la sua intenzione di rispettare gli impegni. E il ricamo, Hanno richiesto il venditore per consentire loro l'accesso alla casa per la Tasara un esperto e ottenere un mutuo ipotecario.

Ottobre 2013 acquirenti notarili hanno ricevuto una comunicazione da parte del venditore. Essi sono stati notificati del risoluzione del contratto di vendita perché non avevano risposto a nessuno dei requisiti o erano andati al notaio.

La commessa Edivama SA ha proceduto a vendere la proprietà a terzi sotto contratto.

Il 14 Luglio 2015 acquirenti presentato una denuncia contro Edivama SA. Hanno chiesto la risoluzione del contratto non è dichiarata in conformità con la legge,  è stato il venditore che aveva violato il contratto e che la decisione è stata presa su richiesta degli acquirenti per la violazione. Hanno inoltre chiesto la condanna a Edivama SA acquirenti di restituire l'importo pagato per 61.400 euro, más el 3% dalla applicazione della clausola di penalità e interessi.

Edivama SA si oppose alla richiesta. Ha fatto una domanda riconvenzionale e ha cercato una dichiarazione in base alla risoluzione da parte sua legge. También, fosse opportuno hanno approvato la quantità di 61.400 euro ricevuto dagli acquirenti.

Primera Instancia

Il 25 Aprile 2016 il Tribunale di primo grado n ° 3 di Valencia si è pronunciata respingendo sia la domanda riconvenzionale sollevata.

Corte Provinciale

I ricorrenti hanno impugnato la sentenza di primo grado in appello.

Per la sua parte, l'imputato ha obiettato e anche sfidato la sentenza per quanto riguarda il licenziamento della domanda riconvenzionale.

Il 2 Dicembre 2016 6 ° sezione della Corte provinciale di Valencia ha respinto il ricorso presentato. così, stimato la sfida posta dal Edivama SA.

Così, Egli ha annullato la sentenza del tribunale inferiore, relativa alla domanda riconvenzionale, stimare quest'ultimo nella sua interezza.

Ha detto al pubblico che la risoluzione del contratto da parte Edivama E 'stato coerente con la legge. Così, E 'stato il diritto di trattenere la quantità di 61.400 euro ricevuto da parte degli acquirenti. Questo è per l'applicazione della settima clausola del AGB e l'esistenza di un pregiudizio di vendere la proprietà a terzi per un prezzo molto inferiore a quello concordato con i querelanti.

Suprema Corte

I ricorrenti hanno impugnato la sentenza per violazione procedurale e appelli. Egli ha sollevato una questione legale che ha generato l'interesse di cassazione: la possibilità di accumulare l'applicazione della clausola penale per il venditore ha accettato il risarcimento dei danni causati riporti a nuovo che sono stati superiori.

SA Edivama il convenuto oppose l'applicazione. Cassazione presunta mancanza di interesse.

Il 2 Luglio 2019 la Corte Suprema ha espresso il suo giudizio No.. risoluzione 387/2019 risolvere la controversia.

L'azione per violazione procedurale:

La Camera ha accolto il ricorso per violazione procedurale. Era vero che la sentenza impugnata ha violato l'obbligo di motivazione esaustive dell'arte. 218 LEC. Quindi c'è stata una chiara violazione procedurale che aveva assunto l'annullamento.

In appello:

La richiesta di risorse è stata la dichiarazione inopportunità di risarcimento danni per Evidama al di là del risultato dell'applicazione della clausola penale nel contratto. opporsi pertanto un'applicazione cumulativa Sì applicato la sentenza di primo grado.

La clausola penale era un contratto predisposto dalla clausola venditore come condizione generale del contratto. Fornito come indennizzo, un 3% sull'importo che avrebbe dovuto essere pagato dagli acquirenti al momento della risoluzione. questa ritenzione 3% ha avuto un scopo compensativo dei danni causati dalla violazione, senza compensazione appropriata estendersi oltre.

Il venditore ha sostenuto perdite economiche derivanti dalla vendita a terzi. Ma poteva precludere la domanda condannando gli acquirenti di alzare atto pubblico e soddisfare il prezzo del contratto in sospeso. così, Non l'ha fatto.

Hall ha detto sentenza n. 197/2016, di 30 Marzo, perché "Solo eccezionalmente opera la funzione cumulativa, quando espressamente convenuto che il creditore può chiedere il risarcimento per i danni causati e comprovate e, anche, ha accettato come una clausola penalePertanto ..., solo quando lo esprimo media patto non sarà un sostituto per la compensazione, ma cumulativamente, in modo che il creditore può richiedere che il debitore, più il rigore stipulato, risarcimento dei danni causati, ma sempre sono stati testati (perché a differenza della clausola penale contenuta in materia penale, dove nessun test sono richiesti alcuni, la compensazione ordinati con che è soggetta alle regole generali di prova Art. 217.2 LEC )... Al contrario, in assenza di un accordo su, dottrina ha solo detto gestisce la funzione di regolamento e, così, la missione STS 21 Febbraio 2012, rec. 21/2009, afferma che “se le parti, volontariamente e per il bene del principio di autonomia che proclama l'articolo 1255 condigo civile Essi hanno convenuto una clausola penale, deben acatar la función liquidadora que impone el mencionado artículo 1152, habiendo podido pactar -que no lo hicieron- la función cumulativa que permite el último inciso de este mismo artículo”.

Pertanto, la Sala consideró que la indemnización de daños y perjuicios había de quedar reducida a la cantidad resultante de aplicar el 3% de las cantidades que deberían haber sido entregadas por los compradores en el momento de la resolución.

Declaró ajustada a derecho la resolución del contrato celebrado por las partes en fecha 21 Aprile 2006, efectuada por Edivama S.A. y comunicada el 31 Ottobre 2013, con derecho por su parte a retener la cantidad de 8.315,31 euros de la satisfecha por los compradores.
Y condenó a Edivama S.A. a devolver a los compradores la cantidad restante de 53.084,69 euros más los intereses legales desde el 31 Ottobre 2013.

Conclusione

Solo deve l'applicazione cumulativa di una clausola penale con il risarcimento dei danni, quando è stato espressamente concordato tra le parti ei danni sono testati. In assenza di un accordo esplicito, non sarà cumulativa di risarcimento, ma la funzione sostitutiva e ejerccerá suo liquidatore articolo 1152 CC.

  Consultare il caso ora

Lascia un Commento

Lingua


Configura come lingua predefinita
 Modifica traduzione


Iscriviti per ricevere un PDF libro


Proprio per esserti iscritto riceverà via e-mail il link per scaricare il libro "Come cambiare avvocato" in formato digitale.
Iscriviti qui

Sígueme en Twitter



Abbonami

* Questo campo è obbligatorio