Ciò che le clausole abusive dovrebbero essere riesaminate d'ufficio da parte del giudice?

 

clausulas abusivas

Indice,,es,Violazione degli obblighi legali e indennizzo dell'assicurazione a tutti i rischi,,es,Requisiti per l'assicuratore per evitare l'indennizzo,,es,Guida all'assicurazione del credito,,es,Risarcimento per l'assicurazione sulla vita legata a un mutuo ipotecario a Lleida,,es,Risarcimento salvo frode o colpa grave,,es,Burguera Abogados C / Poeta Querol 1-1,,ca,C / Albacete,,es,C / Velazquez,,fr

Il giudice deve esaminare ufficialmente l'abusivismo di clausole che riguardano l'oggetto della controversia


   Consultare il caso ora

 Qual è la portata del riesame d'ufficio delle clausole abusive richiesta del giudice nazionale?

entrambi articolo 4, comma 1, come l'art 6, comma 1, de la Directiva 93/13/CEE del Consejo, di 5 Aprile 1993, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori, Vengono interpretati che, Se è vero che, al fine di apprezzare il carattere abusivo di una clausola inserita in un contratto tra il professionale e di consumo di tutti gli altri termini del contratto sono da prendere in considerazione, Ciò non significa che il giudice è tenuto a esaminare ufficialmente il potenziale ingiustizia di tutte quelle altre clausole che non sono legati al tema della controversia.

Il 11 Marzo 2020, la terza sezione della Corte di giustizia dell'Unione europea, Egli ha stabilito, chiarire la portata che l'ex officio esame del giudice nazionale della ingiustizia delle clausole nel contratto tra professionista e consumatore, in base all'interpretazione della articoli 4, comma 1 e 6, comma 1, de la Directiva 93/13/CEE del Consejo, di 5 Aprile 1993, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori.

Antecedentes de hecho

Il 13 Dicembre 2007, Signorina.. Lintner tenuto con UniCredit Bank (UCB, qui di seguito), contratto di mutuo ipotecario denominato in valuta estera, tra cui alcune clausole attributive di UCB, il diritto di modifica unilaterale dello stesso.

Il 18 Luglio 2012, Signorina.. Lintner è comparso dinanzi al Tribunale della Capitale, Ungheria (TG, qui di seguito), alla ricerca di una causa di nullità, con efectos retroactivos, le clausole che hanno dato il diritto di modifica unilaterale del contratto di mutuo ipotecario, basata sulla direttiva 93/13.

Primo e secondo grado - Tribunale e Superiore Generale d'Ungheria

Il TG è stato respinto la causa intentata dalla signora. Lintner. Questo, interpuso recurso de apelación.

La Corte della Capitale Superiore, Ungheria (TS, qui di seguito), ha annullato la sentenza emessa dal TG da un ordine fatto in tempo 1 Aprile 2014. Tornò la questione al TG.

El TS, nell'ordine fatta, Ha ricordato che "Giurisprudenza relativa alla direttiva 93/13, la Corte ha costantemente riferimento al principio secondo il quale, in materia di contratti conclusi dai consumatori, il giudice deve esaminare d'ufficio il carattere abusivo delle clausole in esso contenute. Egli ha detto che, secondo la loro interpretazione della direttiva e la giurisprudenza sulla stessa, così come il diritto nazionale applicabile, è solo possibile implementazione efficace della direttiva qualora il giudice nazionale esamina d'ufficio il contratto a tutti ".

TG mi ha chiesto di chiedere alla signora. Lintner se voleva richiamare l'ingiustizia della clausole della vettura o altro del contratto non era stata la loro richiesta iniziale, e se si considera vincolato per contratto, una volta escluse le clausole in questione.

il TG, Con ordinanza 7 Dicembre 2015, chiuso il caso, dopo aver considerato che il DNA. Lintner non aveva risposto alla richiesta formulata.

Il 26 Marzo 2016, TS ha deciso un nuovo ricorso presentato da Ms.. Lintner. Ha confermato l'ordinanza impugnata per quanto riguarda i termini del contratto, ma ha annullato tutto il resto. Egli ha esortato il TG di emettere una nuova risoluzione. I TS considerato che il TG dovrebbe prendere in considerazione le altre clausole del contratto.

Il TG ha deciso di sospendere il procedimento e di sottoporre alla Corte di Giustizia per una pronuncia pregiudiziale sulla esaminare l'ingiustizia delle clausole di un contratto.

Tribunal de Justicia de la Unión Europea (TJUE)

Il TG di cui alle seguenti domande:

* prima: chiesto di accertare se il articolo 6, comma 1, Direttiva 93/13"Deve essere interpretato nel senso che un giudice nazionale investito di una causa intentata da un consumatore e gli obiettivi che il carattere abusivo di alcune clausole essere dichiarata in un contratto stipulato da quest'ultimo con un professionista, Si è tenuta ad esaminare d'ufficio e singolarmente tutti gli altri, anche se non sono stati contestati da parte del consumatore, per vedere se possono essere considerati abusivi. "

* Secondo e terzo: chiesto di accertare se il articolo 4, comma 1, e l'articolo 6, comma 1, Direttiva 93/13"Deve essere interpretato nel senso che, se, nel valutare il carattere abusivo di una clausola contrattuale che è la base per le pretese di un consumatore deve tutte le altre disposizioni del contratto considerato che quest'ultimo ha concluso con un professionista, che implica l'obbligo del giudice nazionale investito della questione d'ufficio l'eventuale carattere abusivo di tutte quelle clausole ".

Il Tribunal de Justicia de la Unión Europea dettato data giudizio 11 Marzo 2020, dichiarando, sulla base delle tre questioni sollevate, come segue:

1.- "Il articolo 6, comma 1, de la Directiva 93/13/CEE del Consejo, di 5 Aprile 1993, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori, deve essere interpretato nel senso che un giudice nazionale investito di una causa intentata da un consumatore che richiede che il carattere abusivo di alcune clausole essere dichiarato in un contratto stipulato da questo con un professionista non è tenuto ad esaminare d'ufficio e singolarmente tutte le altre clausole contrattuali, che non sono stati contestati da parte del consumatore, al fine di verificare se possano essere considerati abusivi, ma dovrebbe esaminare solo quelle clausole che sono collegati al tema della controversia in quanto quest'ultimo è stato definito dalle parti, non appena ho fatto e di diritto necessari per effetto, completato, se, dai mezzi istruttori.

 2.- Il articolo 4, comma 1, e l'articolo 6, comma 1, Direttiva 93/13 Vengono interpretati che, Se è vero che per apprezzare l'ingiustizia della clausola contrattuale che è la base per le pretese di un consumatore tutte le altre clausole del contratto stipulato tra un professionista e del consumatore devono essere presi in considerazione, esso non implica obbligo del giudice nazionale investito della questione d'ufficio l'eventuale carattere abusivo di tutte quelle altre clausole."

Conclusione

Quando un consumatore richiede in un procedimento giudiziario che il carattere abusivo di alcune clausole affermando, il giudice nazionale non ha l'obbligo di esaminare d'ufficio e singolarmente tutti gli altri clausole nel contratto, se non sono state contestate da parte del consumatore. Siete solo richiesto di prendere in considerazione quelle clausole che si riferiscono al tema della controversia.

Consultare il caso ora

 

Lascia un Commento

Lingua


Configura come lingua predefinita
 Modifica traduzione


Iscriviti per ricevere un PDF libro


Proprio per esserti iscritto riceverà via e-mail il link per scaricare il libro "Come cambiare avvocato" in formato digitale.
Iscriviti qui

Sígueme en Twitter



Abbonami

* Questo campo è obbligatorio