Puoi cambiare il padrone di casa?

LOCAZIONI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel locazioni urbane il locatore può cambiare, surrogato un altro proprietario, mantenere i diritti e gli obblighi del contratto.

 

Questo cambiamento può avvenire di comune accordo tra le parti o l'obbligo giuridico. Non richiesto di stipulare un nuovo contratto, ma il nuovo proprietario è posto nella posizione che aveva nel precedente. La modifica può essere inter vivos o mortis causa.

Mortis Causa

Come Tenancies legge non prevede espressamente la morte del padrone di casa, deve essere stabilito dal Codice Civile, articoli 657 e 661: La morte del locatore non estingue il contratto di locazione, ma erede (il titolo universale) continua nella posizione di proprietario, alle stesse condizioni Ho avuto (a meno che il proprietario non era, ma beneficiario, nel qual caso il contratto si è estinto).

Se invece di un erede, il nuovo proprietario era un legatario (successore titolo particolare), in alcuni casi può richiedere la risoluzione del contratto.

Tra vivo

Il padrone di casa può cambiare da risoluzione del loro diritto (13 della LAU) dalla smaltimento delle abitazioni in locazione (art.14 della LAU).

La risoluzione del diritto del locatore

La legge di riforma fa LAU 4/2013 riduce il locatario, in modo che sarà sul regolamento mutuo e del Codice Civile.

Generalmente, se il padrone di casa ha perso la proprietà attraverso preclusione, una sentenza, le prestazioni di un rimborso convenzionale o un'opzione di acquisto, o un trust, il contratto di locazione si estingue. Queste situazioni sono assimilati per analogia i casi in cui il padrone di casa perde la cosa locazione indipendentemente dalla sua volontà.

Sui suddetti casi vi è un eccezione: Se ciò iscritto nel registro contratto di locazione, prima del diritto che risolve il diritto del locatore. In tal caso surrogazione si verifica nei termini che avevi prima che il contratto. Se il contratto di locazione non è registrato, stampi.

Nel caso in cui la proprietà non era inmatriculada e conseguentemente, contratto di locazione non può essere registrato, il contratto durerà tre anni.

Se il proprietario non era il proprietario, ma diritti di usufrutto o di superficie, la locazione terminerà quando il diritto.

Y SI hubiese affittato la proprietà senza il diritto di locazione è, Articolo 9.4 il LAU è destinato a continuare per 3 anni, se l'inquilino ha affittato in buona fede, che "sembrava" essere il proprietario.

Comunque, il nuovo acquirente ha la possibilità di rivendicare cessazione o continuare ad affittare.

Contratti di locazione prima 6 Giugno 2013 sono regolati in modo diverso: in caso di cessazione del diritto di proprietà del locatore, l'inquilino può surrogare per 5 anni. Successivamente il contratto si estingue, a meno che non sono stati iscritti, nel qual caso deve rispettare il termine completo.

E se avesse affittato Untitled, l'estensione è 5 anni.

Vendita di Immobili

Dobbiamo chiarire che questo caso rientrano le situazioni in cui l'immobile viene trasferito come risultato della divisione di un patrimonio comune, come quando una società o di una comunità ereditaria si scioglie.

Fuori di questi casi, due situazioni si distinguono: Se la proprietà non è inmatriculada, Articolo si applica 1571 Codice civile: "L'acquirente di un immobile locato ha il diritto di porre fine alla vendita locazione corrente da verificare, salvo diversi accordi e le disposizioni della legge Mutuo ".

Se la fattoria era inmatriculada e contratto di locazione è stato inserito prima della trasmissione, questo sono al momento concordato.

Se il contratto di locazione è estinta, l'inquilino ha un periodo di tre mesi è comunicato dal padrone di casa della sua intenzione di recedere dal contratto, e può chiedere i danni.

Si el prima che il contratto sia 6 Giugno 2013, l'inquilino può rimanere 5 anni, indipendentemente dalla volontà del locatore.

In canoni di locazione per usi diversi alloggi, Articolo 29 la LAU, "L'acquirente del bene locato è surrogato nei diritti e gli obblighi del locatore, a meno che non ci obblighi dell'acquirente di cui all'articolo 34 della Legge Mutuo ".

L'inquilino non può opporsi al cambio di padrone di casa.

Ma se la buona fede dell'acquirente non è a conoscenza del contratto di locazione, può chiedere la risoluzione del contratto. Ciò richiede che il contratto non è registrato, che non sa che il posto è in leasing, che acquisisce il titolo direttamente dal titolare registrato e registrare il proprio.

Consultare il caso cliccando qui.

Lascia un Commento

Lingua


Configura come lingua predefinita
 Modifica traduzione


Iscriviti per ricevere un PDF libro


Proprio per esserti iscritto riceverà via e-mail il link per scaricare il libro "Come cambiare avvocato" in formato digitale.
Iscriviti qui

Sígueme en Twitter



Abbonami

* Questo campo è obbligatorio