Quali sono gli atti di denigrazione concorrenza sleale?

concorrenza sleale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli atti di denigrazione sono quelli che possono influenzare la reputazione di mercato di un'azienda.

E 'espressamente previsto all'articolo 9 gli Diritto della concorrenza sleale:

"Produrre o diffondere manifestazioni è considerato ingiusto sull'attività, performance, stabilire rapporti di affari o di un terzo sono idonei a compromettere il suo credito nel mercato, essere in quel preciso sean, vero e pertinenti.

In particolare,, nazionalità manifestazioni finalizzate non è stima corrispondente, credenze o ideologia, privacy o altre circostanze strettamente personali della vittima. "

Per non essere "atto denigración"È sufficiente che il comportamento sia sufficiente a danneggiare il prestigio o la reputazione di un concorrente senza l'esistenza di dolo o di intenti necessaria.

Per la Suprema Corte ha ritenuto atto dispregiativo "Consapevolmente diffuso false affermazioni contro un avversario al fine di fargli del male commercialmente, vale a dire, attività finalizzata alla produzione di screditare il concorrente o il suo prodotto, o la diffusione di false dichiarazioni a suo danno " (Giudizio 1 Aprile 2004).

Il atti denigratorios può colpire sia le altre imprese concorrenti e dei consumatori, danneggiando la percezione del valore che abbiamo circa l'azienda o il prodotto in questi comportamenti.

Per un atto per essere considerato dispregiativo, deve avere i seguenti elementi (STS criterio espressi 11 Luglio 2006):

  • Danni alla reputazione
  • Falsità
  • Impertinencia
  • Incidere sulla concorrenza

E 'inoltre necessario che l'atto dispregiativo se exteriorice: possono essere resi pubblici in qualsiasi forma, ma la portata della media, determinare l'importo del risarcimento. Essi possono essere circolari, lettere, affermazioni verbali, Pubblicazioni su Internet o altri.

Ma tenere a mente che opinioni sono protetti dal principio costituzionale della libertà di espressione: Per rientrare nel campo di applicazione del l'atto di denigrazione, dovrebbe riferirsi a fatti in grado di controllare la correttezza.

Anche, la legge prevede espressamente "eccezione della verità": se manifiestaciones sono esatte, vero e pertinenti, non costituisce un atto di denigrazione. L'accuratezza e la veridicità non lascia dubbi. Per quanto riguarda la rilevanza, si ritiene che una manifestazione è rilevante se si riferisce a questioni sulla quota di mercato interessata, vale a dire, che sono adatti per i clienti, società dei consumatori, formare il loro giudizio e le loro decisioni sul mercato.

La "exceptio veritatis" deve essere provato dalla convenuta deve essere in grado di sostenere questi tre requisiti discussi.

Consultare il caso cliccando qui.

Lascia un Commento

Lingua


Configura come lingua predefinita
 Modifica traduzione


Iscriviti per ricevere un PDF libro


Proprio per esserti iscritto riceverà via e-mail il link per scaricare il libro "Come cambiare avvocato" in formato digitale.
Iscriviti qui

Sígueme en Twitter



Abbonami

* Questo campo è obbligatorio