Swap: Inexistencia de error a pesar del incumplimento

scambiare

 

In quali casi la Corte Suprema ha ritenuto che non vi era alcun errore nel consenso anche se è provata la violazione dei doveri della banca?


I casi di richieste di swap o swap sono per lo più stimati in tribunale per conto della clientela. Tuttavia, in occasione della banca emerge illeso. L'analisi di queste situazioni è importante evitare rischi quando viene portato una denuncia.

La Sentenza della Corte Suprema 19 Gennaio 2017 resuelve uno de estos casos: Considera que no hubo error en el consentimiento al contratar un swap ya que los mismos administradores de la empresa habían contratado otro swap unos meses antes. L'Alta Corte non cambia la sua criterio è quello ripetuta assunzione di un prodotto finanziario complesso non implica necessariamente la conoscenza su di esso, se non vi è la prova che in passato siano adeguatamente informati. In questo caso, la situazione particolare dato che dall'altro scambio assunto da amministratori, c'era una sentenza definitiva della Corte Provinciale di Cordoba, ha ritenuto che non vi era alcun errore e gli amministratori sono stati adeguatamente informato. In questo modo l'elemento diventa un "fatto provato", come è noto, nei ricorsi alla Corte Suprema non entra analizzare i fatti accertati, ma solo la valutazione giuridica di loro.

Consultare il caso ora

Il 28 Maggio 2008, il commerciale Domosur Global Real Estate Servizi S.L.. (di seguito Domosur) telefono assunto uno swap su un nozionale di 700.000 BBVA euro S.A. , che ha generato un costo per l'insediamento di 16.267'40 euro.

I due manager Domosur (Alessandro e Edward) erano anche della società Albar Siglo XXI S.L.. (albar). Come manager Albar, era entrato in uno swap del 29 Aprile 2008 anche per telefono.

Lo swap Albar è stata oggetto di un ricorso di annullamento sull'errore motivi è stato respinto con una sentenza della Corte Provinciale di Cordoba 21 Marzo 2012. La Corte ha ritenuto che non vi era alcun errore e vice, se, non sarebbe giustificabile.

Domosur presentato una denuncia contro BBVA S.A. chiedendo l'annullamento del contratto di swap in data 28 Maggio 2008, 16.267'04 chiedendo il pagamento di euro, come importo risultante dalla liquidazione, più gli interessi legali. Ha denunciato la violazione dei doveri di informazione da parte dell'ente. Nessun test di idoneità era.

Il Tribunale di primo grado n. 8 Cordoba ha dato giudizio sulla 22 Marzo 2013 domanda di stima.

BBVA depositate ricorso alla Corte Provinciale di Cordoba in pena 13 Giugno 2013 si stima, ribaltando la sentenza di primo grado. Per Hearing, si è stabilito che il consenso era valido scambio Albar, E 'lo stesso manager, difficilmente si potrebbe sostenere che lo swap Domosur sono stati viziata da mancanza di conoscenza essenziale del prodotto e dei suoi rischi. Nella sentenza di Albar si è ritenuto che questo era un cliente professionale, i suoi partner hanno una vasta esperienza, uno dei gestori avevano studi commerciali e, infine,, aveva competenze finanziarie ed esperienza in prodotti di investimento.

Così Domosur ha presentato ricorso straordinario per violazione procedurale e appeal.

Il ricorso straordinario per violazione procedurale Esso si basa sull'estensione erronea dell'effetto giudicato della sentenza di Albar Domosur. L'Alta Corte respinge il motivo che la sentenza non si applica l'efficacia di cosa giudicata ma dichiara testato, da presunzione legale che in questo caso l'amministratore deve conoscere le caratteristiche del prodotto contrattato.

Il appello se sustentó en la infracción de los artículos 1261, 1265 e 1266 del codice civile, in combinato disposto con gli articoli 48.2, h) Agire 26/1988 Disciplina e di intervento degli enti creditizi e arte. 78 Agire 24/88 di 24 Giugno, Borsa.

La domanda è respinta per la violazione dei doveri di informazione non significa necessariamente portare apprezzamento vizio errore nell'assumere Swap.

La Camera ricorda la sua giurisprudenza in conformità con gli obblighi di segnalazione delle istituzioni finanziarie:

"io) "E 'l'attività di servizi di investimento -Attiva che ha l'obbligo e non mera disponibilità- fornire informazioni imposto tale normativa, e non sono i loro clienti, che non sono professionisti dei mercati finanziari e degli investimenti- che devono accertare le questioni rilevanti in materia di investimenti, buscar por su cuenta asesoramiento experto y formular las correspondientes preguntas. Sin conocimientos expertos en el mercado de valores, il cliente non può sapere quali informazioni specifiche dovrebbe richiedere professionale. Invece, il cliente deve avere la certezza che l'entità servizio che fornisce consulenza di investimento non è omissione di informazioni su qualsiasi argomento rilevante. Così, legalmente obbligati a segnalare correttamente partito non può opporsi che il partito aveva il diritto di correggere le informazioni che devono prendere l'iniziativa e ha fornito informazioni sul proprio " ( frase 689/2016, 23 Novembre , Egli cita le dichiarazioni di cui sopra 769/2014, di 12 Gennaio 2015 , e 676/2015, di 30 Novembre ).

ii) "Non si può comprendere l'obbligo di informazioni fornite dal contenuto dello swap contratto stesso, la semplice lettura delle disposizioni contrattuali non è sufficiente ed è necessaria una attività aggiuntiva della banca, realizada con antelación suficiente a la firma del contrato, volta ad illustrare la natura del contratto, come sarà fatta la transazione, i rischi specifici assunti da parte del cliente, come lo sono quelli successivamente materializzata nelle alte valutazioni negative fatte, e la possibilità di un elevato costo di risoluzione anticipata ( sentencias núm. 689/2015, di 16 Dicembre , e 31/2016, di 4 Febbraio ). (…) mera illustrazione del ovvio non è sufficiente, vale a dire, che, qualora si tratti casuale, ci possono essere risultati positivi o negativi, ma le informazioni devono essere più concreti e, en particular, debitamente avvertire il cliente circa i rischi connessi con goccia prolungata e forte dei tassi di interesse ( Frase, 195/2016, di 29 Marzo , la nomina della frase precedente 689/2015, di 16 Dicembre , e 31/2016, di 4 Febbraio ).

iii) "La banca deve informare il cliente, in modo chiaro e senza banalizzare, che il loro rischio non è teorico, ma, a seconda dello sviluppo di parametri di riferimento utilizzati, Può essere vero e, se, rovinoso, in considerazione della quantità del nozionale.
»Tali informazioni non viene fornito con un semplice avvertimento nel contratto condizionale generale presentato per la firma […]» ( Sentenze 692/2015, di 10 Dicembre , e 195/2016, di 29 Marzo )."

Anche se questa dottrina, in questo caso, il giudizio giunge alla conclusione che non vi era alcun errore, ma non perché è stato stabilito che la banca aveva rispettato la sua scarica le sue funzioni sotto la MIFID (come "tra l'altro" ha fatto il test di idoneità), sino porque accettando amministratori di scambio simile ad un'altra società, su cui vi è una sentenza definitiva dichiarando compiuto questi compiti di informazione, si presume che già aveva le conoscenze necessarie sul prodotto.

La violazione dei doveri di informazioni crea un errore di presunzione. Ma questa presunzione può "rompere" per aver dichiarato dimostrato in un'altra frase che era stato adeguatamente informato.

Anche, nel caso di Domosur, Si udito considerato un fatto provato che sapevano le caratteristiche del prodotto e dei suoi rischi. E in cassazione, Non è possibile effettuare una nuova valutazione degli elementi di prova.

In definitiva, risorse che respingono l'sentenza della Corte Provinciale che ha respinto la richiesta è confermata Domosur.

Consultare il caso ora

Lascia un Commento

Lingua


Configura come lingua predefinita
 Modifica traduzione


Iscriviti per ricevere un PDF libro


Proprio per esserti iscritto riceverà via e-mail il link per scaricare il libro "Come cambiare avvocato" in formato digitale.
Iscriviti qui

Sígueme en Twitter



Abbonami

* Questo campo è obbligatorio