Le norme della CGUE sulle dimissioni dei consumatori

 

 renuncia consumidores

 

Para el TWENTY, la rinuncia a rivendicare una clausola abusiva è valida se il consumatore era a conoscenza di ciò che aveva firmato

Consultare il caso ora

On Giudizio 9 Luglio 2020 (Causa C-452/18), la Corte di giustizia dell'Unione europea si è pronunciato sulla validità delle clausole abusive nelle deroghe firmate dai consumatori.

Antecedentes

L'origine del procedimento è in una domanda contro Ibercaja sollevata dinanzi al Tribunale di primo grado e Istruzione nº 3 di Teruel.

Il cliente ha acquistato una casa per 148.813 euro e surrogato nel ipoteca che il promotore aveva concordato con il CAI (poi Ibercaja).  El préstamo tenía un “suolo” gli 3.25%.

Dopo la sentenza della Corte suprema di 9 Maggio 2013, Ibercaja había iniciado un proceso de renegociacióngeneralizadade las cláusulas suelo, all'interno del quale è avvenuta la transazione con l'attore.

Il 4 Marzo 2014 È stato firmato un accordo tra il cliente e Ibercaja novazione por la que se acordaba reducir la “clausola di terra” alla 2.35% e rinuncia a esercitare qualsiasi azione al riguardo.  Anche la banca ha fatto firmare al cliente nella sua calligrafia un comunicato che era a conoscenza e ha compreso che il tasso di interesse sul prestito non sarebbe mai sceso al di sotto 2.35%.

Il cliente ha intentato una causa chiedendo la dichiarazione di nulidad de la cláusula suelo e la restituzione degli importi pagati a seguito degli stessi dalla sottoscrizione del prestito.

La banca si è difesa usando la novazione di 2014.

In questa situazione, il Tribunale di primo grado e l'istruzione nº 3 de Teruel ha sospeso la procedura e ha posto alla CGUE le domande che discuteremo di seguito.

La dottrina della propagazione degli effetti della nullità si applica ai contratti relativi alle dimissioni che reclamano la clausola del suolo?

Se la clausola floor originale è radicalmente nulla, e detta stipulazione è la base su cui si articola la "novazione", Sarebbe anche cancellato?

No. Per la CGUE, il consumatore libero e informato, consapevole della natura non vincolante di una clausola abusiva, puoi esprimere validamente il tuo consenso e la sua accettazione. Sono valide le dimissioni del cliente che conoscono il carattere offensivo e la clausola in questione.  Perché ci sia una tale "coscienza", la CGUE ha due requisiti:

un) Che al momento delle dimissioni il consumatore era consapevole della natura non vincolante di detta clausola.

b) Che il cliente fosse consapevole delle conseguenze che ciò comportava.

È il giudice nazionale che deve verificare se le dimissioni derivano da un consenso libero e informato da parte del consumatore.

Il problema è interpretazione dell'esistenza di quella "conoscenza libera e informata" che è un concetto aperto e indefinito.

Contrariamente a quanto è stato pubblicato da altri rispettabili giuristi, lo capisco la CGUE ha sancito la validità delle deroghe ai consumatori, quando vi sono prove che il cliente era "consapevole" dell'abusività della clausola. Ciò stabilisce la linea di validità delle dimissioni espresse dalla Corte suprema nella sua sentenza del 11 Aprile 2018.

Ricordiamo che ci sono numerose sentenze in cui alcune Corti hanno avuto abbastanza notizie sulla stampa per capire che il consumatore era a conoscenza della natura di un prodotto finanziario (vedi SAP Valencia S8 del 19 giugno, 2020 su "Commissioni CAM").

In questa maniera, nei casi in cui un cliente, ha presentato la prima richiesta stragiudiziale della nullità di una clausola di base e del rimborso di pagamenti indebiti, Facendo riferimento alla STS 9 Maggio 2013 con argomentazioni minime, la banca sarà molto facile sostenere che quando si sono verificate le "dimissioni", il cliente è stato informato. Ricorda che se il cliente desidera avere la possibilità di recuperare i costi della procedura, è necessario presentare un ricorso extragiudiziale preventivo secondo le disposizioni del RD 1/2017 di 20 Gennaio.

Caso diverso sarebbe quando, senza alcun reclamo precedente da parte del cliente, la banca prende l'iniziativa e "inoltra" al cliente una rinuncia a un'azione per un problema in una clausola che l'istituto finanziario conosce e il consumatore non è a conoscenza. Tali dimissioni sarebbero nulle senza dubbio.

Se i contratti di novazione sono contratti di adesione che contengono condizioni generali di contratto, possono essere annullati da abusi?

Sí. Per la CGUE queste clausole possono essere dichiarate abusive. Anche nel caso in cui il cliente abbia indicato nella sua calligrafia di aver "capito"  il meccanismo della clausola "suolo" non è sufficiente per concludere che vi è stata una negoziazione individuale e che il consumatore è stato in grado di influenzarne il contenuto.

La rinuncia ad azioni legali in cui non è stato riferito che la clausola originale era nulla o il denaro che doveva essere restituito a loro, può essere dichiarata nulla?

Per la CGUE spetta al giudice nazionale verificare, alla luce delle informazioni fornite dal prestatore, se ciò fosse sufficiente per il consumatore per valutare le conseguenze economiche di ciò che ha firmato. Aggiunge che al professionista non può essere richiesto di fornire informazioni future su eventi imprevedibili che sfuggono al controllo del professionista..

Di seguito indica (questo che capisco è molto rilevante) che è "Un elemento particolarmente rilevante" "la fornitura di informazioni sull'evoluzione passata dell'indice su cui si basa il calcolo del tasso applicabile"

Non conosco assolutamente alcun mutuo ipotecario in cui il pagamento è stato confrontato negli ultimi due anni "con una clausola del piano" e "senza una clausola del piano" prima di firmarlo.

Se il requisito della trasparenza (come chiaramente indicato nel paragrafo 56 STJUE) richiede di indossare "Disponibile per il consumatore le informazioni relative all'evoluzione passata dell'indice da cui viene calcolato il tasso di interesse", non esiste una clausola di base, né alcuna ipoteca multi-valuta, né alcun IRPH che superi questo requisito.

Nonostante quanto sopra, la CGUE fa una dichiarazione sorprendente e sorprendente, quando punti il ​​paragrafo 55 che gli importi che un cliente potrebbe recuperare "Possono essere facilmente calcolati da un consumatore medio ragionevolmente perspicace e ragionevolmente perspicace." Dal mio punto di vista, questa informazione non è conforme alla realtà del consumatore medio in Spagna, né nel resto d'Europa.

Le dimissioni precedenti sono nulle

Si la rinuncia se plantea en un contrato inicial y esde cara al futuro” dicha cláusula sería nula:  Se una clausola fosse inclusa nell'atto del prestito ipotecario iniziale che rinunciava a rivendicare la nullità di una clausola o ad esercitare azioni, detta clausola sarebbe nulla.

Ma se le dimissioni sono successive, spetta al giudice determinare il grado di certezza sull'abusività della clausola sulla quale è stata compromessa:  Se la banca o il cliente non erano a conoscenza dell'abuso, le dimissioni sarebbero nulle. Ma se il cliente era a conoscenza dell'abusività della clausola,  le dimissioni sarebbero valide.  E come abbiamo visto prima, è relativamente facile per la banca provare che il cliente era a conoscenza dell'abusività della clausola del piano quando quest'ultimo aveva presentato una domanda stragiudiziale.

Conclusione

STJUE non favorisce i consumatori, Se non il contrario. Benedici gli accordi di dimissione fintanto che l'istituto finanziario può dimostrare che quando il cliente è stato firmato, era a conoscenza dell'abusività della clausola. Tranne nel caso di rinunce "espresse" a consumatori che ignorano completamente un problema di abuso (problema pesantemente complicato dalla proliferazione dei media), L'istituto finanziario può difendere che il cliente sapeva cosa stava firmando.

Inoltre, se lo STJUE è preso rigorosamente, non esiste un mutuo unico con una clausola del piano, nemmeno un mutuo multi-valuta, né un prestito con IRPH in cui è stato fatto un confronto con l'Euribor e quindi, sarebbero tutti annullabili.

Con questa mancanza di chiarezza, è molto difficile prevedere quale sarà la linea che i tribunali adotteranno e crea un'insicurezza giuridica che i cittadini non meritano.

Consultare il caso ora

Lascia un Commento

Lingua


Configura come lingua predefinita
 Modifica traduzione


Iscriviti per ricevere un PDF libro


Proprio per esserti iscritto riceverà via e-mail il link per scaricare il libro "Come cambiare avvocato" in formato digitale.
Iscriviti qui

Sígueme en Twitter



Abbonami

* Questo campo è obbligatorio